STRUMENTALIZZANO IL PERDONO, DIMENTICANO IL RIFIUTO

Categorie: Comunicati
Commenti: 2 commenti
Pubblicato il: 28 Agosto 2011

Leggi qui il riassunto della giornata del 28 Agosto fatto da MCCM con tutte le foto e i video

Questa Perdonanza 2011 sta venendo oltremodo strumentalizzata per ostentare che L’Aquila ormai è una città pacificata che sta tornando alla normalità.

Non è così. A L’aquila oggi ci sono ancora 40mila sfollati di cui 12mila dispersi in autonoma sistemazione. I centri storici sono distrutti e in grandissima parte abbandonati mentre la ricostruzione pesante semplicemente non è partita. Di anno in anno sempre meno alunni siedono sui banchi delle scuole e l’Università ha sempre meno iscritti e corsi di laurea.  L’ospedale è a pezzi con interi reparti ancora nei container mentre i soldi della sua assicurazione contro il terremoto sono stati utilizzati per ripianare il bilancio della Asl.

Insomma dietro la confusione di questi giorni di festa si nasconde il nostro quotidiano vissuto in una città fantasma e militarizzata. L’Aquila è un enorme non-luogo in cui il territorio viene sempre più devastato dalla speculazione edilizia e dallo spuntare di costruzioni abusive frutto di una politica senza senso né idee.

Il tessuto sociale ed economico è devastato. Ci sono migliaia di disoccupati e un numero di ore di cassa integrazione record. Come se non bastasse a breve saremo chiamati a restituire interamente le tasse sospese e diventeremo il territorio italiano con la maggiore imposizione fiscale.

I nostri rappresentanti che si sono lasciati facilmente commissariare non riescono nemmeno ad ottenere dal governo il medesimo trattamento che hanno ricevuto altri territori colpiti da catastrofi naturali. La loro unica politica si riduce a chiedere l’elemosina a Roma dal ministro Tremonti e dal sottosegretario Gianni Letta. Lo stesso Letta implicato nella vicenda della P4 e che ad Aielli qualche giorno fa ha inaugurato con i fondi destinati al terremoto un busto a suo zio, gerarca fascista antisemita. Gianni Letta che è stato invitato anche quest’anno alla sfilata storica della perdonanza.

LE INGIUSTIZIE NON SI PERDONANO, SI RIFIUTANO!!!

3e32/CaseMatte – Asilo Occupato

2 commenti - Lascia un commento
  1. […] Striscioni di protesta alla Perdonanza 2011 […]

  2. Son ha detto:

    Senza dubbio un buonarticolo. Seguo con entusiasmo il blog http://www.3e32.org. Continuate in questo modo!

    un articolo da spulciare è disponibile a questo link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Prossimi Eventi a CaseMatte
Archivi