Il Tar all’amministrazione Biondi: “Non ci sono ragioni per sospendere erogazione dei buoni alimentari”

Share

Il Tribunale amministrativo regionale dell’Aquila ha rigettato l’istanza di revoca che il Comune dell’Aquila ha inoltrato oggi circa il ricorso di una famiglia di origini pugliesi esclusa dal bando per la distribuzione dei buoni alimentari, nell’ambito dell’emergenza economica dovuta al coronavirus.

Il Comune aveva chiesto stamane che fosse revocato il Decreto cautelare con cui si ammetteva la famiglia al bando per i buoni, perché con il nuovo Decreto del governo, firmato ieri, è “stata introdotta la libertà per chicchessia di rientrare presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”. Secondo l’ente, la famiglia bisognosa “non ha più ostacoli nel fare ritorno nella sua città d’ origine”, anche perché il minore in età scolastica, iscritto a una scuola media della città, può seguire le attività didattiche a distanza.

Un atteggiamento incomprensibilmente duro quello del Comune dell’Aquila, a cui ha prontamente risposto il Tar, non solo rigettando la richiesta di ritiro del Decreto emesso la scorsa settimana, ma esplicitando quello che affermiamo da giorni: la distribuzione dei buoni alimentari presso le famiglie bisognose non può e non deve essere sospesa.

Nella replica del Tar, infatti, si legge testualmente che il presidente Umberto Realfonzo “respinge la richiesta di revoca della misura cautelare del decreto cautelare monocratico n.79/2020 nei sensi di cui sopra e per l’effetto conferma l’immediata ammissione con riserva della ricorrente a partecipare al bando […] con l’avvertenza che non si ravvisano ragioni di diritto, connesse con il predetto decreto n. 79, per sospendere l’erogazione della misura assistenziale nei confronti di tutti gli altri nuclei familiari esposti agli effetti economici provocati dal Coronavirus“.

Non crediamo ci sia altro da aggiungere. Mentre la maggior parte dei comuni italiani ha distribuito i buoni alimentari alle famiglie bisognose già nella settimana di Pasqua, l’amministrazione comunale dell’Aquila ha sospeso la distribuzione della maggior parte dei buoni con argomentazioni politiche strumentali, cercando vanamente di alimentare una guerra tra i poveri anziché assumersi le proprie responsabilità.

Chiediamo che venga chiusa questa pagina penosa con la ripresa della distribuzione dei buoni, in attesa che il tribunale sentenzi o meno il diritto della famiglia non residente ad accedere al bando.

Nel frattempo continueremo, come dall’inizio dell’emergenza, a distribuire pacchi spesa alle famiglie che ne faranno richiesta al 3517944859, dovessero essere beneficiarie o meno dei buoni alimentari, che in questo momento non possono aspettare.

Last updated: Aprile 27, 2020

Comments