La nostra risposta alle dichiarazioni di Gabrielli…

Categorie: Comunicati
Commenti: 3 commenti
Pubblicato il: 16 ottobre 2012
Ci chiediamo con che coraggio Gabrielli si permetta ancora di dare simili giudizi su L’Aquila.
Noi non abbiamo dimenticato il ruolo che ha svolto l’attuale capo della Protezione Civile nell’immediata emergenza.
Gabrielli non solo era vice-commissario (vice di Bertolaso), ma era anche prefetto, con il compito specifico di vigilare sulle possibili infiltrazioni e speculazioni da parte della criminalità organizzata e delle “cricche” nella ricostruzione.
Infiltrazioni e speculazioni che, come ci dicono le indagini della magistratura, sono avvenute indisturbate; anzi, peggio, alcune di queste “cricche” sono state favorite dagli stessi vertici della Protezione Civile, gli stessi (a parte Bertolaso) che sono ancora lì a ricoprire i propri incarichi, nonostante lo sperpero di fondi, le irregolarità nel piano c.a.s.e., le indagini sulla commissione grandi rischi, ecc.
Possibile che Gabrielli, che condivideva il comando della gestione del post-emergenza insieme a Bertolaso, non si sia accorto di nulla?
Forse era troppo impegnato a vietare assemblee e vietare volantinaggi nelle tendopoli, in barba ai più elementari principi costituzionali, o forse era concentrato sulla “delicata” operazione delsequestro delle carriole, o a cercare di reprimere in ogni modo ogni forma di attivismo e partecipazione della società civile che non fosse gradito o complice della loro gestione.
Ci chiediamo con che coraggio questa persona affermi oggi che a L’Aquila non c’è stato “attivismo” o “voglia di fare”?
Se questa affermazione è in parte vera, ciò è dovuto al fatto che la Protezione Civile ha represso e ostacolato, fin dai primi giorni delle tendopoli, ogni forma di  volontà di partecipazione attiva, auto-organizzazione e dissenso da parte della popolazione.
Fin dall’inizio questo tipo di gestione ha trasmesso il messaggio di “stare seduti e buoni” ad aspettare “il miracolo”, di non disturbare o criticare i nostri “salvatori”; mentre nel frattempo qualcuno era già al lavoro per riuscire attraverso il piano c.a.s.e., il g8, i puntellamenti, a fare affari sulla nostra pelle.
Dov’eri Gabrielli? Cosa facevi invece di controllare e vigilare?
E ci chiediamo come mai ancora oggi Gabrielli continui a prodigarsi in grandi difese di Guido Bertolaso. Forse perché in realtà è stato complice di un sistema che nel nome dell’emergenza ha favorito gli affari di pochi sopra i diritti di tutti.
Se in Emilia le cose stanno andando diversamente, è anche grazie alla forza che ha dimostrato una parte del nostro territorio, denunciando e ribellandosi alle ingiustizie e alla speculazione delle cricche, e contribuendo a far venir fuori tutto il marcio che c’era ai vertici della Protezione Civile.
Purtroppo però le parole e le azioni di Gabrielli, ci dimostrano chiaramente che quel marcio è bel lontano dall’essere superato, ma noi non ci stancheremo mai di dirlo a testa alta.
3 commenti - Lascia un commento
  1. Chiappanuvoli scrive:

    Puntuali e precisi. Manca solo di dire che anche a noi “leccavano il culo” prima di infilarci un bel “suppostone”.

    10 ragioni per cui Franco Gabrielli ha ragione a dire che gli Emiliani sono meglio degli Aquilani: http://chiappanuvoli.wordpress.com/2012/10/16/10-motivi-per-cui-franco-gabrielli-ha-ragione/

  2. Carla scrive:

    Gabrielli ( e tutta la cricca sua pari) si inchini alla dignità e all’onestà
    delle genti d’Abruzzo che hanno rispettato la sua divisa e il suo ruolo e non lo hanno
    cacciato a “forconate nel didietro” come si sarebbe meritato.

  3. Andrea scrive:

    Buongiorno,
    volevo segnalare le parole di Franco Gabrielli che a mio avviso sono offensive nei confronti degli aquilani e di tutti noi abruzzesi. Non è possibile creare su facebook un gruppo di protesta? Abbiamo una città che è ancora da riaprire e da ricostruire. Inoltre il governo ha stanziato più soldi per il terremoto dell’Umbria che per quello abruzzese, che ha distrutto un’intera città. E’ una vergogna! E’ l’ennesimo trattamento di indifferenza nei confronti di noi abruzzesi! Non possiamo non reagire!

    Andrea

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Prossimi Eventi

Per i video dei nostri concerti visita il canale di MediaCrewCaseMatte

Archivi